Fritto misto di pesce e verdure (croccante e facile, senza pastella!)

Tempo di preparazione 40 minuti
Tempo di cottura 15 minuti
Dosi per 4 persone
Difficoltà Media
Il fritto misto di pesce è un secondo piatto molto ricercato nelle località di mare, il più ambito nei ristoranti in riviera. Se il fritto misto di pesce è fatto bene, rimane croccante, non troppo pesante e sfizioso al punto in cui non si smetterebbe mai di mangiarlo. Fare un buon fritto misto di pesce in casa propria non è difficile e da molta soddisfazione, con le piccole friggitrici che ci sono in commercio che tengono la temperatura dell’olio costante è ancora più facile.

Se volete ulteriori consigli sulla frittura vi consiglio di leggere questo articolo prima di procedere con la ricetta: FRITTURA. Potete scegliere il pesce che preferite per la frittura, anche solo gamberi e calamari. Stessa cosa vale per le verdure, io le taglio a striscette e ne uso in quantità diverse, in base alla disponibilità in frigo ed alla stagionalità (le zucchine sono buonissime con il pesce!). Per una serata con amici, un buffet o un aperitivo in compagnia, ecco come fare un fritto misto perfetto, che si mangia con lo stuzzicadente e non stanca mai! Il mio consiglio è quello di mangiare il fritto misto di pesce quando è caldo o tiepido e di non riscaldarlo perchè perde tutta la croccantezza!

Pastella si o pastella no per il pesce?

Ho provato anche a friggere il pesce con la pastella, ma a mio parere risulta più facile da cuocere e buono senza, infarinando solo il pesce prima della cottura. Ciò non toglie che per alcune specifiche tipologie di pesce (e ricette) sia richiesta la pastella, per esempio la tempura di gamberi.

"Il fritto misto di pesce come al ristorante, anche a casa vostra!"

Ingredienti
  • 100 g di gamberi sgusciati
  • 130 g di calamari o seppioline
  • 130 g di soglioline
  • 150 g di sarde
  • 140 g di funghi freschi (champignon)
  • 15 g di foglie di salvia
  • 1 litro di olio di semi di arachide
  • 400 g di farina “0”
  • sale fino
Note per gli ingredienti Potete usare tutte le verdure che volete (o che avete in frigo), il procedimento è lo stesso dei funghi e vanno tagliate a strisce per la lunghezza (carote, zucchine, melanzane, peperoni..). - Potete scegliere tutte le tipologie di pesce che volete, magari anche solo due di quelle che ho messo fra gli ingredienti, la scelta del pesce va in base ai vostri gusti personali (e alla disponibilità in pescheria).
Preparazione Pulite i funghi, tagliateli con un coltello affilato a fettine spesse 4 mm circa, trasferitele in una ciotola con 1 lt di acqua frizzante e riponetela in frigorifero, coperta con della pellicola per alimenti, fino al momento della frittura.

Pulite e lavate i calamari, i gamberi, le soglioline e le sarde. Mettete quindi tutti i pesci nella ciotola di acqua frizzante con i funghi e aggiungete le foglie di salvia.

Fate scaldare l’olio di semi in una pentola larga e capiente. Intanto, preparate, in modo da avere il tutto a portata di mano, un piatto con della carta assorbente, una schiumarola e il sale.

Controllate la temperatura dell’olio con la prova dello stecchino: quando fa le bolle è ben caldo. Oppure, se avete un termometro da cucina, verificate che la temperatura arrivi a 175°C circa.

Con uno scolapasta a maglia stretta scolate molto bene il pesce e le verdure e versate il tutto in un’altra ciotola con la farina. Mescolate fino a quando i pesci e funghi saranno totalmente coperti. Con un setaccio eliminate la farina superflua e versate il pesce infarinato nell’olio bollente, suddividendolo in 3 cotture.

Quando la frittura sarà ben dorata scolatela nella carta assorbente con la schiumarola e salate, mescolate e procedete con la seconda e la terza cottura. Servite il fritto ancora caldo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Campi obbligatori

Commenti degli utenti

Libri di cucina scritti e fotografati da me