Marmellata di albicocche (la ricetta classica della marmellata perfetta per ogni uso!)

Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 50 minuti
Dosi per 4 vasetti da 250 g
Difficoltà Facile
Durante l’estate ci sono tantissime conserve che si possono preparare con la frutta fresca, una delle mie preferite è proprio la quella di albicocche. Le albicocche contengono già la pectina come le mele, per questo non serve aggiungere nessun preparato e nessun altro frutto perché gelifichi perfettamente dopo cotta. Potete aromatizzare la confettura con delle erbe aromatiche (come il timo limonato, la menta..), oppure con la scorza di un limone biologico, ma è buonissima anche “al naturale”. In questa ricetta il succo del limone serve per non fare ossidare le albicocche nel tempo di riposo della frutta, ma non altera il sapore della marmellata.

Le confetture (più comunemente chiamate marmellate) si possono fare con qualsiasi dose di zucchero, quest’ultimo andrebbe variato in base alla dolcezza ed alla maturazione della frutta. Lo zucchero è un conservante naturale, per questo le marmellate ricche di zucchero tendono a conservarsi per tanto tempo in barattoli sterilizzati, ma se volete una marmellata più leggera potete dolcificarla pochissimo. Un tempo le confetture si facevano con la stessa quantità di frutta e zucchero (es 500 g frutta e 500 g zucchero). Con queste dosi la confettura viene molto zuccherata, io la preferisco meno dolcificata e diminuisco le dosi. Potete frullare la marmellata per ottenere una crema liscia o lasciare i pezzi di frutta e metterla nei barattoli così.

Ingredienti
  • 1 kg di albicocche mature
  • 600 g di zucchero semolato
  • succo di 1 limone
Note per gli ingredienti Se la frutta che utilizzate è molto dolce potete diminuire la dose di zucchero nella ricetta in base ai vostri gusti.
Preparazione Lavate le albicocche, togliete il nocciolo all'interno e tagliatele a pezzi dentro una casseruola dai bordi alti. Aggiungete lo zucchero, mescolate bene e mettete tutto in frigo a riposare per 1-2 ore.

Nel frattempo, sanificate i barattoli con il metodo descritto qui
Mettete la casseruola sul fuoco e fare arrivare a bollore, poi abbassate leggermente il fuoco e lasciate cuocere per circa 50 minuti.
Il tempo è variabile, dipende dalla quantità di acqua contenuta nella frutta.
La confettura è ben cotta quando versando 1 cucchiaino del composto su un piatto freddo, la goccia versata si restringe subito.
Se preferite la confettura liscia frullate tutto con un frullatore ad immersione, se invece la preferite a pezzi lasciatela così.

Versate la confettura nei barattoli (puliti e privi di odori all'interno), chiudete il coperchio assicurandovi che aderisca perfettamente poi capovolgete i barattoli.
Lasciateli raffreddare completamente, se sono privi di aria, spingendo il coperchio del barattolo non dovreste sentire nessun rumore.

Quando vanno sterilizzati i barattoli per metterli sotto vuoto?

Per togliere l'aria dai barattoli e creare il sottovuoto basta mettere la confettura nei barattoli quando è ancora bollente e tenere i barattoli capovolti fino al completo raffreddamento. Se premendo sul coperchio del barattolo si sente ancora dell'aria all'interno è necessario sterilizzare i barattoli immergendoli in acqua bollente su fuoco medio per almeno 20 minuti, ma spesso è sufficiente solo il primo passaggio per togliere tutta l'aria.

"Con la vostra marmellata di albicocche potete fare una buonissima crostata o le crostatine monoporzione, oltre a spalmarla sul pane per una colazione genuina e semplice!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Campi obbligatori

Commenti degli utenti

Libri di cucina scritti e fotografati da me