Baccalà: come si pulisce e si cucina!

Dosi per 4 persone
Difficoltà Media
Il baccalà è l'alimento costituito da due tipologie diverse di merluzzo, che viene salato e stagionato per la conservazione. Si differenzia dallo stoccafisso perchè quest'ultimo viene essiccato al posto della staginatura
Quando si compra il baccalà in pescheria solitamente viene venduto già desquamato, ammollato e dissalato in acqua per tante ore. Questo lungo procedimento dura diversi giorni, nella quale viene cambiata spesso l'acqua e serve per reidratare perfettamente il pesce. Subendo questo processo per la conservazione, il baccalà diventa un pesce molto saporito e salato, per questo va aggiustato di sale solamente a metà o a fine cottura.
Il baccalà è uno tra i pesci più economici, non ha scarti a parte la pelle e può essere cucinato in tantissimi modi: sia in padella, che al forno, o fritto.
Ingredienti
  • 1 trancio da 700 g di baccalà già ammollato
Preparazione Lavate sotto l'acqua corrente il baccalà, asciugatelo leggermente con un foglio assorbente di carta da cucina e posizionatelo sul tagliere.
Se cucinerete il baccalà in padella a trancetti come qui lasciate la pelle e togliete solo le spine, qualora ve ne siano.

Altrimenti, per togliere la pelle posizionate la parte più stretta della coda verso la vostra mano senza coltello.
Afferrate saldamente (nel mio caso con la sinistra) la pelle e infilate la lama liscia e lunga del coltello fra la pelle e il bianco del baccalà (che rimarrà sopra, la pelle invece è rivolta verso il tagliere).
Puntate la lama del coltello in obliquo e seguite tutta la pelle fino a farla staccare completamente dal pesce.
Con le mani seguite tutta la superficie del baccalà, premendo leggermente per trovare, qualora vi siano, delle spine.
Con le pinzette o con le mani se riuscite, togliete le spine.

In base a come cucinerete il baccalà, tagliatelo a pezzi, a tocchetti o a cubetti.

"In Romagna è tradizione mangiare il baccalà per la vigilia di Natale e di Pasqua, squisito cucinato alla vicentina, in padella o in umido con le patate!"



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Campi obbligatori

Commenti degli utenti

Libri di cucina scritti e fotografati da me