Pane all'uvetta e frutta secca: la ricetta facile per un pane morbidissimo!

Tempo di preparazione 30 minuti
Tempo di cottura 40-45 minuti
Dosi per 2 pagnotte da 300 g
Difficoltà Media
Il pane all'uvetta è un delizioso e morbido pane arricchito con frutta secca, originario della cucina contadina. Questo lievitato è squisito per accompagnare pranzi o cene di qualsiasi menù, ideale da abbinare ai formaggi per fare i crostini o da mangiare per colazione con la marmellata. Si differenzia dal tradizionale pane lombardo all'uvetta solo per l'aggiunta di noci e mandorle, veniva definito il "panettone dei poveri" e veniva preparato durante il periodo natalizio. Il suo contrasto di sapori dato dalla nota dolciastra dell'uvetta, lo rende perfetto per una energica e ricca colazione, anche come spuntino da fare fuori casa. Potete decidere di formare una pagnotta unica con l'impasto o pagnottelle più piccole, sono buonissimi anche i panini mignon. Il pane all'uvetta può essere congelato e scongelato all'occorrenza, sia aspettando che torni a temperatura ambiente, che in forno caldo. Il pane all'uvetta e frutta secca è buonissimo a fette, leggermente scaldato in forno con il formaggio in superficie e qualche affettato saporito (speck, prosciutto crudo, salame..) per un aperitivo davvero speciale!
Ingredienti
  • 300 g di farina “0” (o farina manitoba)
  • 200 g di farina tipo 1
  • 50 ml di olio extra vergine di oliva o 40 g di burro a temperatura ambiente
  • 350 ml di acqua a temperatura ambiente
  • 1/2 cucchiaino di zucchero
  • 10 g di sale fino
  • 10 g di lievito di birra fresco (o 4 g di lievito secco)
  • 70 g di mandorle sgusciate
  • 50 g di noci sgusciate
  • 180 g di uvetta sultanina
Note per gli ingredienti Potete sostituire la farina tipo 1 con la farina integrale o altre farine come quella di farro, kamut o ai cereali. - Potete sostituire lo zucchero con un cucchiaino di miele o malto d’orzo. - Se preferite mettere meno lievito nell’impasto potete diminuire la dose e allungare i tempi di lievitazione.- Se preferite un pane dalla crosta croccante non mettete l'olio, per un pane morbidissimo invece l'olio è indispensabile. - Potete sostituire la frutta secca con altra a vostro piacere, mantenendo le quantità della ricetta.
Preparazione In una ciotola capiente mettete l’acqua a temperatura ambiente, lo zucchero e il lievito fresco, mescolate fino a far sciogliere tutto il lievito.
Aggiungete la farina e con una forchetta amalgamate bene, potete usare anche una planetaria.

Aggiungete anche il sale e l’olio (o il burro ammorbidito), continuando a mescolare energicamente fino a quando il composto diventa omogeneo.
Otterrete un impasto molto liquido e idratato, ma questa è la caratteristica che renderà buonissimo il pane all'uvetta.
Lasciate lievitare l’impasto per almeno 2 ore a 28°C, se lo mettete in forno spento con la luce accesa più o meno otterrete questa temperatura.

Ammollate l'uvetta in una ciotola coprendola con acqua calda per almeno 30 minuti.
Sgonfiate l’impasto e trasferitelo su una spianatoia infarinata, piegate l’impasto più volte con le mani, stendete e piegatelo aiutandovi con la farina fino a quando rimane più “compatto”, queste pieghe servono per renderlo più elastico.
Strizzate l'uvetta e asciugatela con della carta assorbente, aggiungetela all'impasto con anche la frutta secca, impastate per farla distribuire bene nell'impasto.

Dividete l'impasto in due o più parti, se volete anche in paninetti, se l'impasto vi risulterà appiccicoso aiutatevi con della farina.
Disponete le pagnotte su una teglia rettangolare ricoperta con carta da forno, fate lievitare le pagnotte per 2 ore circa in forno spento con luce accesa (28°C) fino al raddoppio di volume.

Preriscaldate il forno in modalità statica a 200°C.
Quando arriva a temperatura cuocete il pane fino a doratura in superficie, in base alle dimensioni delle pagnotte serviranno 40-45 minuti, se farete piccoli paninetti basteranno 20 minuti.
Sfornate il pane e lasciatelo raffreddare su una spianatoia in legno o sulla griglia del forno (fuori dal forno).
Per mantenere il pane morbidissimo potete conservarlo in un sacchetto per alimenti come quelli per il congelatore.

"Buonissimo anche leggermente riscaldato in forno, o affettato per la colazione con burro e marmellata!"


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Campi obbligatori

Commenti degli utenti

Libri di cucina scritti e fotografati da me