Testaroli al sugo di coniglio e pesto di rucola (buonissimi, da provare con ogni tipo di pasta!)

Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 35 minuti
Dosi per 4 persone
Difficoltà Media
I testaroli al sugo di coniglio sono un primo piatto dalle origini antichissime. Il sugo di coniglio nella quale si condiscono i testaroli è facilissimo da preparare e buonissimo, adatto anche ai bambini perché si usa solo la polpa del coniglio che rimane tenerissima dopo la cottura. Si prepara anche un pesto di rucola, facilissimo perché basta frullare tutti gli ingredienti nel mixer, ma ha la particolarità di dare un sapore amarognolo al piatto che contrasta quello del coniglio. Se volete un primo dai sapori corposi, tradizionali e semplici non potete non provare questo piatto!

I testaroli sono un tipo di pasta antichissimo, si preparano solo con farina, acqua e sale, si cuociono negli appositi testi (sottano e soprano) e si sbollentano per pochissimo tempo prima di metterli nel sugo. Sono un prodotto tipico della Lunigiana e della cucina contadina “povera” di un tempo, li potete trovare facilmente qui, nella boutique online di Acqua, Farina & Fantasia. Vi consiglio questo marchio perché offre prodotti tradizionali di alta qualità, facilmente reperibili (Amazon li porterà a casa vostra in un paio di giorni!) e pronti in pochissimo tempo. Quando farete saltare i testaroli nel sugo questi assorbiranno tutto il sapore del coniglio e diventeranno ancora più buoni ed invitanti, il pesto invece si metterà “a crudo” prima di servire.
Ingredienti Per il sugo di coniglio:
  • 300 g di coniglio polpa disossata
  • 20 ml di olio extra vergine di oliva
  • 250 ml di acqua + quella per la pasta
  • 100 ml di vino bianco
  • 10 pomodori ciliegini
  • 1 pizzico di sale fino
  • 1 pizzico di pepe nero macinato
  • 2 rametti di maggiorana
Per il pesto di rucola:
  • 35 g di rucola fresca
  • 100 ml di olio extra vergine di oliva
  • 15 g di pinoli
  • 30 g di parmigiano
Note per gli ingredienti Potete sostituire il pesto di rucola con il pesto di basilico. - Se non avete i testaroli potete usare qualsiasi altra pasta sia di semola che all'uovo, qui trovate tutte le ricette di pasta fresca. - Potete usare il petto di pollo al posto della polpa di coniglio ma cambierà notevolmente il sapore del piatto. - Se volete il sugo di coniglio rosso potete aggiungere 150 g di passata di pomodoro.
Preparazione In una casseruola larga e dai bordi bassi mettete l'olio e fatelo scaldare leggermente sul fuoco, tagliate la polpa di coniglio a pezzi piccoli con l'aiuto di un coltello e metteteli nella casseruola a soffriggere per qualche minuto, condite con sale e pepe.

Mettete una pentola con il sale grosso e riempita fino a 3/4 con l'acqua, deve arrivare a bollore per cuocere la pasta.
Tagliate i pomodorini a metà ed aggiungeteli nella casseruola con i rametti di maggiorana, fate prendere il bollore poi chiudete con un coperchio ed abbassate il fornello, deve sobbollire il sugo per una ventina di minuti.

Nel frattempo prendete i testaroli e tagliateli a rombi o quadrati di 3-4 cm l'uno, con un coltello o con una rotella per la pizza.
In un boccale stretto e alto mettete la rucola, i pinoli, il parmigiano grattugiato e con un mixer aggiungendo l'olio a filo frullate a scatti.

Continuate a frullare fino a quando otterrete una crema densa non troppo liscia, trasferite in un barattolo di vetro e mettete subito il pesto in frigo al fresco per evitare che si scurisca il suo colore.

Buttate i testaroli in acqua bollente salata, fateli cuocere per 1 minuto e scolateli bene, metteteli nella casseruola con il sugo di coniglio e fate saltare 2 minuti a fuoco alto per far amalgamare i sapori, se serve aggiustate di sale. Spegnete il fuoco e servite i testaroli con dei cucchiai di pesto di rucola in superficie, senza esagerare.

Il pesto rimanente lo conservate in frigo coperto con pellicola, potete usarlo come condimento per i crostini o per la pasta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Campi obbligatori

Commenti degli utenti

Libri di cucina scritti e fotografati da me