Ciambelle allo zucchero (fritte e morbide come al bar!)

Tempo di preparazione 30 minuti
Tempo di cottura 10 minuti
Dosi per 15 ciambelle
Difficoltà Media
Le ciambelle allo zucchero sono buonissime per la colazione e facili da fare, non serve avere tanta dimestichezza con i lievitati e non è necessario l’uso della planetaria. Queste ciambelle sono le stesse che trovate al bar, quelle zuccherine che adorano i bambini perchè morbidissime e dal sapore delicato. Sono diverse dalle graffe napoletane perchè non contengono patate lesse all’interno. In pochissimi minuti si prepara l’impasto, si mette a lievitare fino al raddoppio poi si stende e si formano le ciambelle, si mettono a lievitare ancora poi si friggono e si passano nello zucchero. Sono buonissime anche il giorno dopo perchè rimangono morbide e se sono fritte bene non rimangono unte, vi basterà seguire qualche consiglio per la frittura che trovate qui
Se volete usare il lievito madre (pasta madre o li.co.li.) il procedimento è esattamente lo stesso, i tempi di lievitazione saranno più lunghi ma otterrete delle ciambelle buone e soffici, ricordatevi di fare al vostro lievito qualche rinfresco ravvicinato prima, per fare in modo che sia forte e veloce.
Ingredienti
  • 320 g di farina "0"
  • 200 g di farina manitoba (o altra farina forte)
  • 100 ml di latte intero a temperatura ambiente
  • 2 uova intere (120 g circa)
  • 15 g di lievito di birra fresco
  • 60 g di zucchero semolato
  • 70 g di burro morbido a temperatura ambiente
  • scorza di 1 arancia non trattata
  • 1 pizzico di sale fino
  • 1 lt di olio di arachidi per frittura
  • zucchero semolato
Note per gli ingredienti Potete aggiungere alle vostre ciambelline del liquore (rum, alchermes se le volete colorare..) oppure i semi della bacca di vaniglia per aromatizzarle. 
Preparazione In una ciotola mettete il latte, le uova, lo zucchero, il lievito di birra e la scorza grattugiata di un'arancia, mischiate il tutto fino a quando il lievito si scioglie bene.

Aggiungete anche le farine, il sale fino ed il burro, mischiate energicamente il tutto fino a formare un panetto morbido ma consistente.

Mettete a lievitare l'impasto nel forno spento con luce accesa oppure in un altro luogo al riparo da correnti di aria fino al raddoppio di volume (2-3 ore).
Riprendete l'impasto, piegatelo a metà e stendetelo con il matterello per 2 volte poi stendetelo ancora e coppate le ciambelline con la formina tonda esternamente ed a stella internamente, se serve aiutatevi con pochissima farina.

Lasciate lievitare le ciambelle su un foglio di carta da forno ben distanziate fino a quando raddoppiano di volume per 3-4 ore in base alla temperatura (lontano da correnti d'aria), quando vedrete che sono belle morbide tagliate la carta da forno intorno per poterne prendere una per volta con la carta e facilitare l'immersione nell'olio togliendo la carta all'ultimo.

Mettete in una pentola l'olio per la frittura, accendete il fuoco e fate salire l'olio alla temperatura di 175°C, quando lo sentite caldo provate ad immergere una ciambellina, quando fa abbastanza bolle ma ci mette qualche minuto per dorarsi è alla temperatura perfetta (se avete un termometro sarete più facilitati), girate le ciambelline fino a quando sono ben dorate poi scolatele e mettetele sulla carta assorbente.
Quando sono ancora calde passatele nello zucchero semolato.
Se vedete che l'olio vi cuoce subito le ciambelline potrebbe essere a temperatura troppo elevata, perciò abbassate la fiamma ed aggiungete qualche altro decilitro di olio per abbassare la temperatura, le ciambelline devono essere immerse nell'olio e devono venire subito a galla quando le immergete.
Se volete invece cuocerle in forno dopo la lievitazione le spennellate con del latte in superficie, le cuocete a 190°C in forno caldo statico fino a doratura, da calde le spennellate con olio di semi poi le passate nello zucchero semolato. In questo modo lo zucchero si attaccherà tutto esternamente e verranno buonissime!

"Se volete mangiare le ciambelle fritte con la crema pasticcera qui trovate la ricetta, se invece volete provare le graffe con le patate tipiche del carnevale cliccate qui!"


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Campi obbligatori

Commenti degli utenti

Libri di cucina scritti e fotografati da me