Focaccia al pomodoro con olive e pinoli (buonissima, con passata di pomodoro nell'impasto!)

Tempo di preparazione 35 minuti
Tempo di cottura 45 minuti
Dosi per 6 persone
Difficoltà Media
La focaccia al pomodoro è un lievitato salato perfetto per accompagnare qualsiasi cena, qualsiasi aperitivo o le merende pomeridiane. Il pomodoro è contenuto anche internamente all’impasto e rende la focaccia ancora più morbida e sfiziosa. La focaccia al pomodoro è bellissima anche da vedere, ha tutti i colori e i sapori mediterranei e si conserva benissimo fino a 3 giorni. Potete impastare la focaccia al pomodoro sia a mano come il pane, che con la planetaria per avere un impasto ancora più liscio.

Questa focaccia è perfetta per essere tagliata e farcita, è facile da preparare e la potete servire nei buffet! Sono un’appassionata di focacce, tra quelle che preferisco ci sono anche le focaccine di patate, la focaccia al rosmarino, la focaccia barese, la focaccia di zucca e le girelle al rosmarino.

Ingredienti Per l’impasto al pomodoro:
  • 450 g di farina “0” o manitoba
  • 250 g di passata di pomodoro
  • 125 g di acqua a temperatura ambiente
  • 12 g di lievito di birra fresco (o 1 bustina di quello essiccato)
  • 5 g di sale fino
  • 10 ml di olio extra vergine di oliva
In superficie:
  • 100 g di pomodorini maturi
  • 40 g di olive taggiasche denocciolate
  • 20 g di pinoli sgusciati
  • sale fino
  • olio extra vergine di oliva
  • rosmarino
Note per gli ingredienti  Potete usare qualsiasi tipo di olive denocciolate al posto delle taggiasche. - In superficie potete aggiungere gli ingredienti che avete in frigo: funghi freschi, peperoni, salsiccia, zucchine.. - Se siete in possesso del lievito madre solido o liquido  potete utilizzarlo al posto del lievito di birra, si allungheranno i tempi di lievitazione ma il risultato sarà ancora più strepitoso. - In base a quanto è concentrato il pomodoro ed alla farina che utilizzerete, potrebbe essere necessario aggiungere o meno della farina all’impasto, quindi tenetela a portata di mano e utilizzatela se l’impasto vi risulta appiccicoso da lavorare.
Preparazione In una ciotola capiente mettete l’acqua a temperatura ambiente, la passata di pomodoro e il lievito di birra, mischiate fino a far sciogliere completamente il lievito.

Aggiungete la farina e l’olio, mischiate poi aggiungete il sale fino, lavorando l’impasto prima con la forchetta poi con le mani. Aggiungete se serve altra acqua, fino ad ottenere un panetto consistente.

Coprite l’impasto con un canovaccio pulito e lasciate lievitare in forno spento con luce accesa fino a quando raddoppia di volume (2-3 ore), nel periodo estivo i tempi potrebbero essere più brevi.

Sgonfiate l’impasto, mettetelo su una spianatoia cosparsa con della farina per non farlo attaccare.
Ungete una placca da forno grande rettangolare (io ho usato 2 quadrate 24×20 cm ma potete usarne una della grandezza del vostro forno) con dell’olio o con lo strutto.
Stendete l’impasto della focaccia, deve essere dello spessore di 1 cm circa perché aumenterà molto di volume, in base a quanto volete alta la focaccia potete variare lo spessore e di conseguenza anche la grandezza delle teglie.
Lasciate lievitare per 2-3 ore circa (fino al raddoppio) con le stesse modalità della prima lievitazione.
Condite la superficie con abbondante olio, sale fino, pomodori lavati, olive taggiasche, pinoli e rosmarino.

Cuocete in forno caldo statico a 190°C per 40 minuti circa (le tempistiche possono variare da forno a forno), poi mettete in modalità ventilata e fate dorare leggermente la superficie e i bordi 5-10 minuti.
Toglietela dal forno e quando la focaccia diventa tiepida sformatela dallo stampo, si deve raffreddare su una superficie in legno (per esempio un tagliere) per evitare che faccia troppa umidità.

Variante

Se volete potete guarnire la vostra focaccia con altre verdure come le zucchine. Se usate verdure che necessitano di tempi lunghi di cottura (come le patate) vi consiglio di sbollentarle per qualche minuto e farle raffreddare prima di aggiungerle sopra all’impasto.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Campi obbligatori

Commenti degli utenti

Libri di cucina scritti e fotografati da me