Crescia al formaggio e pepe (ricetta tradizionale marchigiana)

Tempo di preparazione 25 minuti
Tempo di cottura 45-50 minuti
Dosi per 2 stampi da 500 g o 1 da 1 kg
Difficoltà Media
La crescia al formaggio (o pizza al formaggio) è un lievitato salato tradizionale marchigiano che si prepara nel periodo pasquale. La crescia al formaggio rimane molto soffice, è semplice da preparare e può essere fatta anche con anticipo, riponendola in un sacchetto di plastica si mantiene benissimo.
Perfetta come antipasto nel menù di Pasqua servita a fette leggermente scaldate in forno e servita con affettati, olive o salse di verdure.
La “pizza di Pasqua” è appunto un sostituto del pane, è molto più saporita e ricca di sapori. Chi ama i formaggi non può resistere alla tentazione di mangiarla, anche solo dal profumo che emana quando è in forno!
In questo caso la ricetta prevede l’uso del lievito di birra, perché consente di avere tempi di lievitazione più brevi e facilita la ricetta, ma potete usare anche il lievito madre solido, liquido o secco.
Può essere impastata a mano ma per avere un risultato ottimale è consigliato usare l’impastatrice. Nei lievitati in cui sono presenti elementi “grassi” o comunque pesanti è bene iniziare sempre da un lievitino, così avrete la garanzia che la lievitazione con l'aggiunta degli altri ingredienti avverrà perfettamente.

Perchè usare lo stampo in cartone e non quello in alluminio per la crescia al formaggio?

In seguito vedrete che ho diviso gli impasti per provare entrambi gli stampi con le stesse modalità e procedimenti per la crescia. In quello di cartone il calore arriva più velocemente al centro della crescia e non fa seccare troppo la parte esterna, quello di alluminio invece “protegge” di più l’impasto (se lo usate attenzione alla cottura nella parte centrale!) e rende l’esterno più croccante, per questo motivo vi consiglio il cartone.
Ingredienti Per il lievitino:
  • 100 g di farina Manitoba
  • 80 ml di acqua a temperatura ambiente
  • 12 g di lievito di birra fresco (o 1 bustina di quello secco)
Per l’impasto:
  • 400 g di farina Manitoba (o farina tipo “0”
  • 4 uova medie
  • 80 g di pecorino grattugiato
  • 80 g di strutto (o burro) a temperatura ambiente
  • 10 g di sale fino
  • pepe nero macinato
  • noce moscata macinata
Note per gli ingredienti Variate la quantità di pepe all’interno della vostra crescia al formaggio a vostro piacimento.
Preparazione Per il lievitino: in una ciotolina mettete l’acqua a temperatura ambiente e il lievito di birra, mischiate bene con una forchetta fino a far sciogliere completamente il lievito poi aggiungete la farina.
Mischiate bene il composto e mettetelo a lievitare per 60 minuti nel forno spento con la luce accesa.

Con un cucchiaio trasferite il lievitino in una planetaria o in una ciotola più capiente se volete impastare tutto a mano.
Iniziate ad impastare con il gancio ed aggiungete in sequenza 2 uova, metà della farina, le uova rimanenti e il resto della farina.

Aggiungete anche il pecorino grattugiato, il sale fino, il pepe e la noce moscata. Continuate a impastare e aggiungete gradualmente lo strutto (o il burro), fino a quando tutto viene assorbito dall’impasto e otterrete un panetto consistente.
Lasciate lievitare l’impasto coperto con pellicola per 2-3 ore nel forno spento con luce accesa, fino a quando lo vedrete raddoppiare di volume.

Sgonfiate l’impasto, dividetelo in 2 parti e chiudete ogni impasto verso il basso con le mani, fino a quando avrete ottenuto una pagnotta liscia. Trasferite ogni impasto in uno stampo in cartone o in alluminio (2 da 500 g o 1 stampo da 1 kg) e fate lievitare fino a quando la cupola si avvicina al bordo.
Cuocete in forno statico preriscaldato a 190°C per 40 minuti, mettete all’interno del forno una ciotola con acqua per mantenere l’interno umido. I tempi di cottura varieranno dalla dimensione, se avete preparato la crescia in uno stampo unico vi consiglio la cottura a 170 °C per 60-70 minuti.

Varianti

Potete servire la crescia al formaggio con qualsiasi affettato, sono molto buone anche salse fredde, patè di pomodori o patè di olive.
Potete aggiungere all’impasto dei cubetti di formaggio fresco quando finite di impastarlo, oppure dei cubetti di prosciutto cotto o delle olive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Campi obbligatori

Commenti degli utenti

Libri di cucina scritti e fotografati da me